Pubblicato il

I QUINTETTI STRUMENTALI | Il quintetto classico e romantico

25 novembre 2023

I QUINTETTI STRUMENTALI

Il quintetto classico e romantico

QUARTETTO HADIMOVA

Sabato 25 novembre, ore 20:00
Rassegna: “Tutta un’altra musica”. Rassegna di musica da camera 2023
Produzione: Il canto di Virgilio

PRESENTAZIONE
Dalla passione per la musica di quattro musicisti napoletani, Patrizio Rocchino (violino I), Carlo Coppola (Violino II), Paolo di Lorenzo (Viola) e Dario Nicola Orabona (Violoncello), nasce il Quartetto d’Archi Hadimova. Il nome, che scaturisce dalla fusione delle iniziali di illustri compositori del 700’, Haydn, Dittersdorf, Mozart, Vanhal, racchiude l’essenza della formazione cameristica. L’intensa attività concertistica, la duttilità della formazione, che fonda le radici nelle singole peculiarità dei quattro componenti, ha permesso al Quartetto d’Archi Hadimova di farsi apprezzare anche con pregevoli esecuzioni in formazione di Quintetto con strumenti solisti.
Sabato 25 novembre, presso la Domus Ars, Chiesa San Francesco delle Monache, sede della Fondazione Il canto di Virgilio, il Quartetto Hadimova offrirà all’ascolto due pietre miliari del repertorio: il Quintetto K.581 per clarinetto e archi “Stadler” di W. A. Mozart, e il Quintetto in mib magg. Op.44 per pianoforte e archi di R. Schumann, con due solisti d’eccezione: il clarinettista Gaetano Falzarano ed il pianista Andrea Bosa.
Terminato di comporre nel 1789 a Vienna, il Quintetto K.581 per clarinetto e archi è una delle pagine più dolci e struggenti della storia della musica. La pagina fu dedicata ad Anton Stadler, grande amico di Mozart e considerato il più grande clarinettista del tempo. La composizione raggiunge i vertici del capolavoro in quanto riserva una straordinaria parità nella conduzione del dialogo fra le singole voci e una preziosa fusione timbrica. E tutto questo sarà ben evidenziato nella poetica interpretazione del solista, il clarinettista Gaetano Falzarano, il cui suono, dolce, morbido e vellutato, non “sforerà” mai, nemmeno quando lo strumento sarà spinto ai limiti della tessitura sia all’acuto che al grave, dove un controllo perfetto del suono diventa più difficile, ma non per lui. Dal suo canto, il Quartetto Hadimova ha sviluppato, invece, un suono terso e preciso, i quattro strumenti saranno perfettamente bilanciati tra loro e dialogheranno in modo ideale con il solista, trovando quella tinta un po’ scura voluta da Mozart per una fusione perfetta col timbro del clarinetto.
Il Quintetto per pianoforte e archi in mi bemolle maggiore op. 44 è una composizione di Robert Schumann, composta nel 1842. In questa composizione, una delle gemme più preziose di tutto il repertorio cameristico, si riscontreranno tutti gli elementi tipici di una densità sinfonica di scrittura, proiettata verso quell’idealismo romantico da cui Brahms prenderà poi direttamente le mosse.
Il pianista Andrea Bosa saprà ben fondere il suo strumento con gli archi. La sua tastiera si imporrà, trascinerà, creerà un dialogo, in un gioco perfettamente calibrato fra condivisione perfino tenera – specie nel suo duettare con il violoncello – e una propulsione quasi provocatoria.

CON:
Patrizio Rocchino | I Violino
Carlo Coppola | II Violino
Paolo Di Lorenzo | Viola
Dario Orabona | Violoncello:
Andrea Bosa (pianoforte) e Gaetano Falzarano (clarinetto) | Solisti

LUOGO
DOMUS ARS – Chiesa San Francesco delle Monache. Sede della Fondazione.
Via Santa Chiara 10/C, Napoli.

DATA
Sabato 25 novembre, ore 20:00

Per info e prenotazioni: 0813425603 – infoeventi@domusars.it