Seminario - Domus Ars

Go to content

Main menu

Seminario

Laboratori > Teatro




Seminario di approccio alla scrittura per il cinema
a cura di Roberto Nobile

Date da definire terza e quarta settimana di Febbraio 2014

Il seminario, della durata di 4 giorni non consecutivi, per 3 ore circa al giorno, è diviso in 3 attività fondamentali

1) Analisi e discussione di idee, racconti o soggetti degli allievi, che verte su intreccio, personaggi e dialoghi (se ci sono) e la scrittura come descrizione per immagini. (chi non avesse testi da produrre, può portare qualche pagina di un romanzo, o racconto, a sua scelta, da sceneggiare).
N.B. Gli allievi prima dell’inizio del corso, devono scambiarsi tra di loro i testi, di modo che, ogni discussione e commento su un testo qualunque, possa essere seguito e compreso da tutti.

2) Costruzione di una scena cinematografica (se possibile, presa dai soggetti degli allievi), con ambientazione ed elementare progetto dei movimenti di macchina.
N.B. Questo fa capire come la scrittura cinematografica diventi indicazione per il regista

3) I passi ulteriori sono i “compiti per casa”: le correzioni, basate sulla discussione collettiva dei brani degli allievi, che, per successivi aggiustamenti, dovrebbero arrivare ad un risultato standard di scrittura per immagini.


Finalità
Il seminario si propone di favorire :

1) Un approccio alle caratteristiche ed ai problemi della scrittura per il cinema.

2) Un incontro più consapevole col proprio talento (per chi ha aspirazioni professionali).

3) Un affinamento delle proprie capacità critiche ad un testo letterario, un film, o spettacolo teatrale.

Destinatari
Il seminario si rivolge a:

Chi, già appassionato di scrittura, vuole avvicinarsi alle tecniche di quella cinematografica.

Chi, fruitore di cinema e racconti televisivi, è curioso del progetto letterario e tecnico che li sottende.
Chi, facendo l’attore, vuole comprendere meglio la struttura e i meccanismi dei testi che andrà a recitare


Roberto Nobile
Sceneggiatore ed attore con lunga esperienza teatrale, cinematografica e televisiva.
Ha lavorato , tra gli altri, con Federico Fellini, Pupi Avati, I fratelli Taviani, Nanni Moretti, Giuseppe Tornatore, Daniele Luchetti, Giuseppe Piccioni, Carlo Mazzacurati, Ken Loach, Abbas Kiarostami, Robert Marshall ecc.
Da sceneggiatore ha vinto il premio Amidei per la migliore sceneggiatura (“Le amiche del cuore” di Michele Placido) 1992-93 ed il premio della critica cattolica (“Santo Stefano” di Angelo Pasquini) al festival cinematografico di Venezia 1997. Ha sceneggiato una serie televisiva “E’ proibito ballare” di Pupi Avati e alcune puntate di Distretto di polizia. Con l’aiuto di media desk Europa ha poi scritto la sceneggiatura “le scarpe del pellegrino”, per Achab film. Per la Yarno cinematografica, “L’amico del re”. E’ attualmente giurato del premio Luigi Malerba, Festival delle identità, per la migliore sceneggiatura 2013. Ha pubblicato 4 romanzi a partire dal 1980.

Nb. Gli allievi non devono superare il numero di 10.

 
Back to content | Back to main menu